Le disposizioni di legge sul gioco d’azzardo

Orientamenti comunitari

Non vi è una normativa comunitaria specifica riguardante il gioco d’azzardo. Il Parlamento europeo ha però approvato nel 2013 una risoluzione nella quale si afferma la legittimità degli interventi degli Stati membri a protezione dei giocatori.
Nel 2014 la Commissione Europea è intervenuta sul tema con una raccomandazione sul gioco d’azzardo on line, sottolineando la necessità di fornire informazioni ai giocatori circa i rischi cui vanno incontro, di realizzare una pubblicità responsabile, di vietare ai minori l’accesso al gioco d’azzardo on line, di creare un conto di gioco per determinare l’identità e, soprattutto, l’età del consumatore, con fissazione di un limite di spesa e messaggi periodici su vincite e perdite realizzate; e, ancora, di prevedere linee telefoniche per fornire assistenza ai giocatori, un’attività formativa anche per i dipendenti delle case da gioco e campagne di informazione sui rischi legati al gioco d’azzardo.

La normativa italiana

  • Istituzione e disciplina del “Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura”: legge 108 del 1996 (art.15);
  • Contrasto ai fenomeni di illegalità connessi alla distribuzione on line dei giochi con vincite in denaro e regolamentazione del settore da parte dell’Azienda Autonoma Monopoli di Stato: legge n. 266 del 2005 (legge finanziaria per il 2006, art.1, commi 525 ss);
  • Assistenza e cura, limiti alla pubblicità, campagne di sensibilizzazione, inasprimento dei controlli, divieto del gioco ai minori e molto altro: decreto Balduzzi n. 158 del 2012, convertito nella legge n. 189 del 2012;
  • Sull’insolvenza del giocatore e la ristrutturazione del debito: legge n.3 del 2012;
  • Riordino della normativa e apertura alla regolarizzazione di alcune sale gioco: legge n. 190 del 2014;
  • Nuove norme fiscali e sulle concessioni, sanzione per l’installazione di apparecchi per il gioco on-line e limitazione del numero delle sale da gioco: legge n. 208 del 2015, legge di stabilità per il 2016;
  • Regolamentazione delle sale per il gioco legale e dell’installazione degli apparecchi di gioco: art.110 Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS), R.D. 18 giugno 1931, n. 773 aggiornato al 30/12/2019.

Le norme regionali dell’Emilia-Romagna

  • Legge regionale del 4 luglio 2013, n.5, “Norme per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”;
  • Delibera della Giunta regionale n.831 del 12/06/2017 “Modalità applicative del divieto alle Sale gioco e Sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito”;
  • Legge Regionale 25 giugno 2018, n. 8: “Ulteriori modifiche alla legge regionale 4 luglio 2013, n.5″;
  • Delibera della Giunta regionale n.68 del 21/01/2019 “Modalita’ applicative del divieto di esercizio dei punti di raccolta delle scommesse (cd. corner), ai sensi dell’art. 6, comma 2 bis, della l.r. n. 5/2013, e ulteriori integrazioni alla delibera di giunta regionale n. 831 del 2017”

Nel Comune di Ravenna

Mappatura dei luoghi sensibili così come previsti nella l.r. n.5/2013, modificata dall’art. 48 l.r. n. 18/2016: Delibera del Consiglio Comunale del 10/04/2018.

Approfondimenti, sentenze e pubblicazioni scientifiche